Archivio

  • images/stories/slides/07a 1.jpg
  • images/stories/slides/07a 10.jpg
  • images/stories/slides/07a 11.jpg
  • images/stories/slides/07a 12.jpg
  • images/stories/slides/07a 14.jpg
  • images/stories/slides/07a 15.jpg
  • images/stories/slides/07a 17.jpg
  • images/stories/slides/07a 18.jpg
  • images/stories/slides/07a 2.jpg
  • images/stories/slides/07a 3.jpg
  • images/stories/slides/07a 4.jpg
  • images/stories/slides/07a 5.jpg
  • images/stories/slides/07a 6.jpg
  • images/stories/slides/07a 7.jpg
  • images/stories/slides/07a 8.jpg
  • images/stories/slides/07a 9.jpg
  • images/stories/slides/screenshot.jpg
  • images/stories/slides/screenshot1.jpg
  • images/stories/slides/screenshot2.jpg
  • images/stories/slides/screenshot3.jpg
  • images/stories/slides/screenshot4.jpg
  • images/stories/slides/screenshot5.jpg
  • images/stories/slides/screenshot6.jpg
  • images/stories/slides/screenshot7.jpg

News - Laura Albiero, Le fonti liturgico-musicali della Diocesi di Como (sec. XI)

lalb

Le fonti liturgiche sono spesso le uniche testimonianze della vita culturale della società medievale. Oltre all'elaborazione del singolo codice e all'eventuale apparato iconografico, molte notizie sulla reale consistenza delle Chiese locali sono rivelate dalla scrittura musicale. Le differenti notazioni forniscono notizie che vanno ben al di là del tracciato melodico di un canto. In particolare, le antiche notazioni neumatiche accompagnano l’evoluzione di una cultura locale che da sempre trova nel canto liturgico una delle sue massime espressioni.

Un caso particolarmente interessante è costituito dai testimoni della tradizione liturgico- musicale di area comasca. Studiata sotto il profilo morfologico, la notazione dei manoscritti di area comasca mostra evidenti segnali che permettono di rintracciare la sua origine in territorio franco (Metz). Nello stesso tempo sono chiare alcune precise modifiche che distinguono la tradizione grafica italica da quella primitiva francese. Bastano questi pochi accenni per comprendere che l’approccio alla notazione non può essere circoscritto alla sola paleografia musicale. Il lavoro di Laura Albiero è fondamentale per il recupero del respiro spirituale e culturale che ha segnato la storia di Como, dei territori che si affacciano sul lago e quelli che si trovano oggi in territorio elvetico. Il volume offre una riuscita sintesi interdisciplinare che rende ragione alla complessità dei fatti storici e costituisce il frutto di un’indagine a tappeto sul campo che ha permesso all'autrice di ampliare il catalogo dei testimoni e di fornire finalmente un quadro esaustivo della tradizione grafica musicale.

Il volume è la prima uscita di "MONO Graphiae" la nuova collana di pubblicazioni di carattere musicologico diretta da Giovanni Conti per le edizioni Vox Antiqua.

 

Volume di 340 pp., immagini in bianco e nero

Prezzo di copertina € 45,00

Prezzo in sottoscrizione € 30,00 entro il 15 luglio (entro il 30 luglio per i soci A.I.S.C.Gre.)

In caso di invio postale saranno aggiunte le spese di spedizione

Per informazioni e prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 




Powered by Joomla!®. Designed by: joomla 1.7 templates hosting Valid XHTML and CSS.