Archivio

  • images/stories/slides/07a 1.jpg
  • images/stories/slides/07a 10.jpg
  • images/stories/slides/07a 11.jpg
  • images/stories/slides/07a 12.jpg
  • images/stories/slides/07a 14.jpg
  • images/stories/slides/07a 15.jpg
  • images/stories/slides/07a 17.jpg
  • images/stories/slides/07a 18.jpg
  • images/stories/slides/07a 2.jpg
  • images/stories/slides/07a 3.jpg
  • images/stories/slides/07a 4.jpg
  • images/stories/slides/07a 5.jpg
  • images/stories/slides/07a 6.jpg
  • images/stories/slides/07a 7.jpg
  • images/stories/slides/07a 8.jpg
  • images/stories/slides/07a 9.jpg
  • images/stories/slides/screenshot.jpg
  • images/stories/slides/screenshot1.jpg
  • images/stories/slides/screenshot2.jpg
  • images/stories/slides/screenshot3.jpg
  • images/stories/slides/screenshot4.jpg
  • images/stories/slides/screenshot5.jpg
  • images/stories/slides/screenshot6.jpg
  • images/stories/slides/screenshot7.jpg

I corsi 2012-13: Il manoscritto A123 della Biblioteca Angelica di Roma

angelicaIl manoscritto A123 della Biblioteca Angelica di Roma, conosciuto anche come graduale-tropario di Bologna, sarà oggetto del Corso Monografico della sessione invernale dei corsi 2012-13, tenuto dal prof. M. Casadei Turroni Monti. Il corso è comune anche agli iscritti al III anno e al Corso Superiore. L'autorevolezza del codice ha trovato recente riconoscimento anche nel Graduale Novum, dove alla pag. 232 è presente una versione del Co. Mirabantur omnes tratta dal manoscritto.

 

Il corso, dal titolo "Roma, Biblioteca Angelica 123: dalle matrici ravennati al confronto sangallese" affronterà le tematiche relative alla notazione bolognese, tracciando i suoi lineamenti paleografici e tratterà casi specifici anche in rapporto ai moduli ravennati adiastematici (secc. XI-XII); saranno oggetto di trattazione, inoltre, le inerenti connotazioni su rigo, con riferimento alla condizione emiliana della cosiddetta “nota romana”.




Powered by Joomla!®. Designed by: joomla 1.7 templates hosting Valid XHTML and CSS.